Pubblicazioni




Gaza. Restiamo umani

di Vittorio Arrigoni

E' il resoconto quotidiano di Vittorio dei giorni della sanguinosa offensiva israeliana "Piombo fuso" contro la Striscia di Gaza, spesso scritto in condizioni difficili, durante i bombardamenti, nei rari internet point dotati di un generatore autonomo di elettricità. Senza la presenza nella Striscia del pacifista International Solidarity movement anche il manifesto avrebbe potuto riferire della guerra a Gaza solo attraverso i lanci delle agenzie di stampa. Questa piccola ma densa pubblicazione, dunque, raccoglie l'unica testimonianza quotidiana diretta dell'offensiva militare israeliana. "Restiamo umani" era il suo invito personale che poneva alla fine di ogni pezzo per il manifesto, un invito a ricordarsi della natura dell'uomo: apparteniamo tutti ad una stessa famiglia, quella umana.

Questo libro è stato tradotto anche in inglese, francese, spagnolo, tedesco e arabo.

Il viaggio di Vittorio

di Egidia Beretta

La mamma di Vittorio racconta la breve vita di suo figlio, il cui barbaro assassinio è stato pianto dai giovani di tutto il mondo. Giovani che attraverso Vittorio hanno conosciuto e capito come si può dare un senso a Utopia, come la sete di giustizia, di pace, di fratellanza e di solidarietà abbiano ancora cittadinanza e che, come diceva Vittorio, la Palestina può anche essere fuori dall'uscio di casa. Vittorio, il volontario, l'attivista, il pacifista, la voce libera che raccontava Gaza dall'interno. Racconto che ci ha permesso di conoscere giorno dopo giorno una situazione mai così ben rappresentata, senza slogan, ma con la ferma convinzione che conoscere è il primo passo per la soluzione. Fra madre e figlio la corrispondenza è frequente - io e Vittorio eravamo molto uniti, come idee, obiettivi e ideali, sono molto orgogliosa di lui, è sempre stato così - e in questo libro Egidia Beretta ne ha fatto una selezione dettata dal sentimento e dall'importanza del contenuto, che ci fa capire quanto fosse forte il legame madre-figlio.

Questo libro è stato tradotto anche in tedesco.

Il mare di Gaza: il manifesto per Vittorio Arrigoni

di Vittorio Arrigoni, Alessandra Barletta, Michele Giorgio, Matteo Bartocci

Questo libro raccoglie 12 articoli di Vittorio Arrigoni pubblicati tra il 2010 e il 2011 sul manifesto e il racconto sul manifesto del sequestro che portò all'omicidio di Vittorio con il lutto mondiale che ne scaturì.

Stay Human – The Reading Movie

di Fulvio Renzi, con la regia di Luca Incorvaia

Un film documentario tratto dalla lettura integrale del libro “Gaza – Restiamo Umani” di Vittorio Arrigoni. Il film, narrato seguendo i capitoli del libro, è stato girato alla prima lettura per mantenere l’empatia e la forza espressiva di ogni protagonista. Tra i protagonisti alcune delle più autorevoli eminenze accademiche e culturali in difesa dei Diritti Umani come Stéphane Hessel, Noam Chomsky, il premio Nobel per la pace Mairead Corrigan Maguire, Roger Waters, Moni Ovadia, Don Andrea Gallo e molti altri.

Stay Human

Guerrilla Radio. Vittorio Arrigoni, la possibile utopia

di Stefano «S3keno» Piccoli

La fine e l'inizio. Il volontariato. Le elezioni nella Repubblica Democratica del Congo come osservatore internazionale. La Palestina. Sempre. E poi l'interposizione non violenta. Il blog. Piombo fuso. I videomessagci. Roberto Saviano. La guerra "se possiamo davvero chiamarla guerra". Gli scudi umani e Gaza. Nuovamente Gaza. Guerrilla radio è Vittorio Arrigoni. Per gli amici Vik: "umanissimo e imperfetto come tutti noi". E "restiamo umani" non è soltanto un facile slogan. Sono le parole con cui chiudeva gli articoli del suo blog o delle testate di cui era corrispondente. Parole che rappresentano ancora oggi quei valori di solidarietà e uguaglianza per i quali ha dedicato la sua intera vita. Fino alla notte in cui è stato rapito e poi assassinato dal terrorismo jihadista salafita Vittorio era un attivista. Un narratore sensibile. Un pacifista un ragazzo che aveva deciso di vivere nella striscia di Gaza. Accanto al "suo" popolo palestinese un percorso realmente umano. Le cui radici affondano nel concetto del prossimo prima ancora di quanto possa significare essere un reporter di guerra.

Book trailer

Perché amo questo popolo. Storie di resistenza palestinese da Gaza

di Silvia Todeschini

Mi permetto di ricordare Vik con le parole dei suoi amici palestinesi:
”E’ entrato in questa casa e si è seduto con noi, alla pari. Ci ha ascoltate, ha ascoltato la nostra sofferenza. E come con noi, ha ascoltato e aiutati tutti quelli che ha potuto qui a Gaza. Aveva certamente una forte umanità”.
“Vorrei dire a sua madre che deve andare orgogliosa di suo figlio. Vorrei avere l’onore di conoscere una donna così… e le auguro una vita felice!”.
“Mio caro Vik, voglio che tu sappia che ci hai lasciato nel corpo ma l’anima vivrà con noi per sempre. Voglio essere sicura che tutti coloro che credono in te e nella causa palestinese continuino a seguire il tuo percorso. Vorrei che tu sapessi che sei il nostro eroe, puramente umano“
.

Le rughe sulla frontiera. Lampedusa: Restiamo umani!

a cura di Gianpiero Caldarella

Questo libro trae ispirazione dalla mostra omonima curata da Gianpiero Caldarella e promossa dall'Associazione Askavusa di Lampedusa. È dedicato alla memoria di Vittorio Arrigoni e contiene un testo inedito di Egidia Beretta Arrigoni, madre dell'attivista scomparso. Il libro riflette attraverso parole e immagini e con l'arma della risata (amara) sul concetto di frontiera, sull'emergenza migranti, sul razzismo e sulla nostra (triste) attualità.

Il bambino che non voleva essere un lupo

di Sabina Antonelli

Da un'idea di Sabina Antonelli, insegnante della scuola d'infanzia a Foligno, è nata la proposta di un libro, interamente scritto e illustrato da lei, per raccontare Vittorio ai più piccoli, parafrasando proprio ciò che Vittorio aveva scritto, a 7 anni, "Non ho zanne perché non sono un lupo".

A Vittorio Arrigoni: Poesie per un mondo giusto

di Mara Sarigo

Poesie dedicate alla memoria di Vittorio Arrigoni e a tutto il popolo di Palestina. Poesie resistente per restare umani.